Gallipoli - tradizioneattacchi.eu

05/08/2019
Vai ai contenuti

Menu principale:

Gallipoli

Eventi 2019

CAVALLI E CARROZZE NELLA
PRIMAVERA  DEL SALENTO

Nel comporre un mosaico quando si riesce a inserire la prima tessera giusta realizzarlo è semplice, con questo spirito si è riusciti a realizzare il Chellenge città di Gallipoli 1° Trofeo Caroli Hotels.
La prima tessera è stata la posizionata da Armando Ciulia, realizzare in salento una manifestazione di attacchi diversa dalla solita sfilata paesana, la seconda tessera è stata sistemata dal signor Daniele Pisacane collaboratore della Caroli Hotels che riesce a far condividere l’iniziativa ad signor Attilio Caputo che in sintonia con i fratelli Annamaria, Gilda e Pierluigi detiene e dirige la Caroli Hotels.
Un incontro presso l’hotel Bellavista di Gallipoli sancisce un connubio tra la società Italiana Attacchi di Tradizione e la proprietà per la realizzazione di quello che poi è stato il 1° Trofeo Caroli Hotels.

Il salento da sempre terra di cavalli tanto che proprio questa terra forniva le rimonte all’esercito Angioino e poi all’esercito borbonico, notizie riportate nel libro scritto dal professor Roberto Caprara nel libro “Il cavallo del RE”, ha saputo cogliere l’occasione presentandosi con tutta la tradizione che questa terra conserva gelosamente.
La passione del dott. Massimo De Notarpietro collaboratore della Caroli Hotels, nonché appassionato cavaliere, ha fatto si che tutto fosse fruibile ed ottimamente organizzato, domenica 31 marzo in un batter d’occhio il campo di gara era fruibile con tutto quello che serve dall’impianto di amplificazione a tavoli, sedie, rettangolo per la presentazione ed un campo meritevole delle migliori gare internazionali.

La professionalità del signor Mattia Ruggio che con la sua compagna di vita Olimpia Conte dirige e cura con maniacalità il centro ippico “La Nunziatella” a Squinzano (LE) ci ha permesso di presentare al pubblico presente, attacchi che nulla hanno da invidiare a nessuno, il cavaliere Attilio Cafaro e l’amazzone Sara Francone in splendida tenuta spagnola hanno coronato il quadro equestre.
La gara abbia inizio, il giudizio di presentazione espresso dalla collaborazione tra il giudice Mario Fenocchio ed io neo giudice Lucio Formisano, i quali sono stati molto attenti oltre che a giudicare a dispensare utili consigli la dove ci fossero criticità.

Il pubblico presente ha avuto la possibilità di ammirare splendide carrozze e due attacchi di tradizione da lavoro tipici pugliesi presentati dai signori Bonuso Salvatore con il fratello Antonio e dal signor Gerardo Chirivì arrivati da Galatina.
Negli attacchi in stile inglese abbiamo potuto ammirare diversi tipi di carrozze: DOS A DOS, BREAK , RALLY CAR, GIG, CALESSINI E PHEATON anche nei cavalli una variegata tipologia di razze: Murgesi, Haflinger, Spagnoli, Persani, Welsh, Frisoni e Lipizzani.  Evidente segno che in Puglia non manca nulla del meglio della tradizione delle redini lunghe.


Alla presentazione è seguita una piacevole trottata di circa dieci chilometri partita dal Resort Le Sirené per arrivare a Gallipoli percorrendo la litoranea, sterrata ma ben rotabile, che scorre tra la spiaggia del mar Jonio ed una sequenza di splendide ville in stile Barocco; tutti gli equipaggi vi hanno preso parte ed al rientro hanno fatto bella mostra di se in un imponente schieramento nel cortile del Caroli Hotel per dare inizio al cerimoniale della premiazione
La direzione della Caroli Hotels ha poi ospitato tutti i concorrenti al pranzo conviviale come si conviene nella migliore cultura salentina.

La classifica dei singoli ha visto primeggiare il signor Domenico Ardito arrivato da Gioia del Colle (BA), seguito dal signor Giuseppe Dell’Aera arrivato da Turi (BA), il terzo posto il signor Pasquale Scorrano, a seguire il giovanissimo Coppola Federico, Mattia Allegrini e Longo Simone.

Nelle pariglie la piazza d’onore è riservata al signor Francesco Palmisano da Locorotondo, seguito dal sempre verde dott. Enzo Calabrese e dal signor Armando Ciulia, seguono i signor Carmine Stifani, mentre il signor Sumerano Nino presentava un attacco d’Eveque.

La scelta di far partecipare due attacchi tipici pugliesi aveva lo scopo di presentare i traini come un opera di ingegneria e di arte salentina quali strumenti di lavoro che sino ad oggi sarebbero potuti apparire quale sinonimo di arretratezza; ovvero proporre nel complesso culturale locale la tradizione di questi carri soppiantata dal moderno motore a scoppio e promuovere, con forza, il cavallo da lavoro in manifestazioni ad esso riservate per tramandare usi, costumi e strumenti della nostra tradizione.

Un premio speciale è andato ai due “carrettieri” Salvatore Bonuso che presentava un attacco con due cavalli bardati con collane tipiche e a Gerardo Chirivì che presentava un attacco a due con finimenti a pettorale.

Al racconto di una così riuscita manifestazione dobbiamo aggiungere un ringraziamento particolare a tutti i partecipanti per aver creduto in questo che è stato solo il primo di una lunga serie, ai giudici, ai collaboratori della Caroli Hotels, al comune di Gallipoli a tutti coloro che hanno reso possibile che tutto fosse perfetto ed in particolare alla Famiglia Caputo per aver creduto in questa nostra iniziativa.
Nei giorni seguiti alla manifestazione un buon numero di partecipanti ha espresso apprezzamento per il libro di cui ha fatto dono il signor Mario Fenocchio.

Torna ai contenuti | Torna al menu